Iro Iro di Giorgio Amitrano

Sapete ormai che ho un rapporto speciale con i saggi sul Giappone: mi incuriosiscono sempre, e Iro Iro di Giorgio Amitrano sembrava chiamarmi a gran voce dai Suggeriti di Amazon.

Quel sottotitolo, “tra il pop e il sublime“, mi ha incuriosito abbastanza da andare a guardarmi la descrizione e aprire l’anteprima/preview gratuita (non finirò mai di lodare quelle meravigliose pagine messe a disposizione del lettore senza timore di occhiatacce o rimproveri del negoziante!).

 

Iro Iro di Giorgio Amitrano

 

Ma di cosa parla, veramente, Iro Iro?

La casa era al centro di Kyoto, ma su una via interna, quindi riparata dal traffico e silenziosa. Era una delle case più antiche che avessi mai visto, molto grande, a più piani. Secondo il maestro, come tutte le abitazioni tradizionali era scomoda per viverci: era fredda in inverno e calda in estate, e la manutenzione aveva costi insostenibili. Praticamente non ne era contento, ma io e gli altri studenti la trovamo meravigliosa, e ci sembrava un privilegio anche potervi passare poche ore.”

Dentro l’Iro Iro di Giorgio Amitrano assistiamo al racconto delle esperienze giapponesi del professore, a oggi uno dei più grandi nipponisti italiani. I capitoli sono pieni di aneddoti relativi ai suoi giorni in Sol Levante e il libro è una piccola miniera di informazioni interessanti sulla letteratura giapponese, con un occhio anche al cinema: non avete idee di quanti titoli ho segnato! E in tutto questo, in ogni periodo, c’è una cosa che risalta tutto il tempo: l’amore del professore per il Giappone, che in tutti questi anni non si è mai affievolito ed emana chiaramente da Iro Iro. Il Giappone è un Paese reale e non una fantasia, per quanto spesso all’occhio del visitatore possa apparire tale, e il professore ne è ben consapevole; non per questo però il suo attaccamento a una Nazione che è diventata la sua seconda casa è sparito o si è mutato in insofferenza. È lo stesso rapporto che voglio riuscire a coltivare io stessa con il Giappone, e leggere le parole del professor Amitrano me l’ha ricordato.

In questo saggio (troppo breve però, mi leggerei subito un nuovo volume su altri aspetti del Giappone descritti dal profesore!) si respiraun’atmosfera che mi ha riportato alle viuzze di Kyoto ed Osaka e ai neon colorati di Tokyo. L’ho comprato seguendo un’ispirazione momentanea e vi assicuro che ha pagato: se farete lo stesso (qui il buon vecchio link Amazon sconto-munito), credo proprio che non ve ne pentirete!

 

Banner con i social

 

2 Comments

  • prossimafermatagiappone
    maggio 18, 2018

    Ce l’ho in lista, appena torno di nuovo in Italia (o viene qualcuno a trovarmi) vorrei fare di nuovo scorta di libri e questo sarebbe sicuramente tra questi 😀

    • Giulia M.
      maggio 20, 2018

      Guarda, te lo consiglio di cuore! ** Secondo me ti piacerà, se si è appassionate come noi di Giappone ha tanto da dire!

Rispondi

Giulia Magagnini

Giulia Magagnini a febbraio 2018

Giulia. Potete trovarmi con il naso perennemente affondato in un libro e la testa (dura) tra le nuvole, vere e immaginarie. Sono toscana, dipendente dal mare e affetta da Mal di Giappone.
Adoro i luoghi capaci di trasformare l’immaginazione in realtà, gli aereoporti e i cibi speziati.

Instagram

Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.