4 motivi +1 per cui visitare Ikebukuro a Tokyo

Ikebukuro non è uno dei quartieri di Tokyo più famosi qui da noi: non è denso di attività e locali come Shibuya, non ha l’immensità di Shinjuku (quello che se Tokyo avesse un singolo quartiere-centro sarebbe il suo) o la specializzazione e l’aura ancor più marcata di “mondo a parte” di Akihabara (per quanto ne condivida un aspetto molto specifico, ne parliamo tra poco)… eppure è uno dei miei quartieri preferiti di Tokyo!

Come mai? Ora ve lo svelo!

Buona posizione

Ikebukuro si trova a 10 minuti di treno da Shinjuku e 15 da Shibuya o Ueno, decisamente comodo se siete in viaggio a Tokyo e volete visitare quartieri chiave della città. Ci sono tante sistemazioni diverse e spesso sento di persone che hanno trovato comodo pernottare in zona, anche se personalmente non mi è mai capitato.

 

Il paradiso del Boys Love (shounen-ai/yaoi)

Come vi ho raccontato nella Guida di Tokyo per fangirl, Ikebukuro è l’oasi di questo genere di manga dedicato a storie tra bei ragazzi scritte e destinate principalmente a ragazze e donne. Se nel centro di Akihabara si è circondati da cartelloni con personaggi soprattutto femminili legati a manga, anime e videogiochi, lo stesso succede a a Ikebukuro… ma a farla da padroni qui sono i bishounen, i bei ragazzi delle serie giapponesi! I negozi a tema del quartiere sono specializzati nel genere e trovate davvero tantissimo materiale al riguardo, per la serie “devo stare attenta a non spendere tutto il mio budget in un pomeriggio!“.

 

Stampa Detective Conan a Ikebukuro

 

Oltre al materiale BL comunquea Ikebukuro trovate anche altro dedicato ai fan di anime e manga! Detective Conan ne è un buon esempio.

Shibuya in miniatura

Un aspetto che apprezzo molto di Ikebukuro è il suo offrire intrattenimento, negozi pop e luoghi per mangiare creando un’atmosfera simile a quella di Shibuya, che secondo me richiama anche a livello cromatico. Potrà sembrare un’osservazione un po’ strana, ma la verità è che entrambi i quartieri secondo me spiccano per i colori accesi, a cui si aggiungono le pubblicità sparse qua e là (in modo nettamente superiore a Shibuya, va da sé). La zona più movimentata è senza dubbio la parte Est, piena di locali e negozi dove spicca l’immane Sunshine City, grandissimo centro commerciale e per l’intrattentimento (qui trovate tra le altre cose il J-Word, la Namco Namja Town, un Pokemon Center, un Disney Store e un acquario).

Cafè particolari

A Ikebukuro si trovano anche il Neko Cat Cafe Nekorobi, dove sono stata nel 2012, e il Penguin Bar, dove potete avere a che fare con quattro pinguini in carne e ossa alloggiati in una piscina apposita. So che ci sono pareri discordanti riguardo a questi tipi di locali, perché molti temono che gli animali siano maltrattati o comunque non godano di un bel trattamento o soffrano la loro condizione. Io posso parlare solo per la mia esperienza: nel neko cafè i mici mi sembravano in buonissime condizioni e molto rilassati, non posso sapere però se come sento dire fossero così paciosi grazie anche a tranquillanti ad hoc o perché sinceramente soddisfatti. Mi auguro vivamente che sia il secondo caso. Non sono stata al Penguin Bar e non so come sia la situazione dei pinguini, ma come per i cafè che ospitano cani, ho io stessa qualche perplessità e spero proprio che siano ben curati e non soffrano.

 

2012 neko cafè Ikebukuro

Al Neko Cafè Nekorobi!

 

+ 1

Qui entriamo nel campo personale: il mio +1 riguardo a Ikebukuro infatti è l’atmosfera. Apprezzo moltissimo la sua area di svago perché racchiude l’allegria e i colori di Shibuya, il sentimento nerd di Akiba (ma con target femminile, nel quale mi ritrovo) e una tranquillità che trovi già a pochi passi dalla Otome Road, nel West Gate Park, parco che personalmente amo molto questo parco e trovo super rilassante.

Insomma, se decidete di visitare Tokyo date una chance anche a Ikebukuro, e vedrete che ne varrà la pena, fosse anche solo per una mattina!

 

Banner con i social

 

 

 

17 Comments

  • valekappa90
    novembre 12, 2018

    Mi hai fatto scoprire un angolo di Giappone, e di Tokyo, a me totalmente sconosciuto! A me piace sempre molto andare ad esplorare i quartieri e le zone fuori dalle classiche zone turistiche, nascondono sempre delle piacevolissime sorprese! Proprio come Ikebukuro!

    • Giulia M.
      novembre 13, 2018

      Ikebukuro merita proprio una piccola visita, secondo me! Poi è chiaro che se si va a tokyo la prima volta si avranno altri obiettivi primari, ma è così piacevole e curioso che almeno un paio d’ore secondo me le merita!

  • Serena Proietti Colonna
    ottobre 21, 2018

    Certo che questo Giappone é una scoperta continua. Il caffè con i pinguini non me lo aspettavo proprio. Con i gatti esiste anche a Roma, ma con i pinguini non avrei mai creduto. Comunque penso che in locali come questi gli animali siano davvero ben tenuti. Almeno spero 😊

  • Sara
    ottobre 1, 2018

    Il Giappone deve essere proprio un Paese eccezionale. Mi piacerebbe visitarlo più per le tradizioni e l’atmosfera che per manga e intrattenimenti vari di cui sono curiosa ma non vado pazza!

    • Giulia M.
      ottobre 5, 2018

      Guarda, merita tantissimo a prescindere proprio per atmosfera e tradizioni, manga, anime eccetera secondo me sono un grandissimo bonus per chi già è appassionato (anche se chissà, magari qualcuno visitandolo e vedendoli ovunque a Tokyo potrebbe incuriosirsi e cominciare a leggerli/vederli)!

  • Martina Bressan
    ottobre 1, 2018

    Bellissimo il quartiere di Ikebukuro! Non riuscivo più ad andare via, perchè da piccola adoravo i manga giapponesi… Non sapevo che qui ci fossero anche il Neko Cat Cafe e il Penguin Bar. Del Penguin Bar non ne avevo mai sentito parlare sennò mi sarebbe piaciuto farci un salto!

    • Giulia M.
      ottobre 5, 2018

      Anche io l’ho scoperto in seguito, mentre il caffè dei gatti l’ho visto in prima persona, spero solo che i pinguini siano trattati come meritano! Ikebukuro in sé poi in effetti può essere stupendo per un’appassionata che visita la strada principale e otome road, verissimo XD

  • Chiara
    settembre 30, 2018

    Già i gufi della foto di copertina mi fanno venire voglia di visitare questo quartiere! Se poi a questo si aggiungono anche i café particolari (vado matta sia per i gatti che per i pinguini) è proprio il posto che fa per me! 🙂

    • Giulia M.
      ottobre 5, 2018

      Non perdertelo in caso di viaggio in Sol Levante, mi raccomando! 😀

  • prossimafermatagiappone
    settembre 30, 2018

    Io adoro Ikebukuro, per divertirsi e uscire è il posto perfetto, ha tutto, un sacco di caffé, ristoranti, posti di pancake. Ha un po’ per gli amanti dei manga, un po’ per lo shopping, penso accontenti tutti 😀
    E poi c’è anche la mia cartoleria preferita X°D

    • Giulia M.
      ottobre 5, 2018

      È veramente una manna, sono riusciti a mettere insieme un quartiere che più in piccolo raccoglie diversi degli aspetti accattivanti di Tokyo! A gennaio non volevo più venire via XD

  • Zucchero Farina in viaggio
    settembre 28, 2018

    Solo i gufetti aiuola meritano una visita perché sono bellissimi! I bar con gli animali sono senz’altro particolari…

    • Giulia M.
      settembre 30, 2018

      Vero che sono super carini?! Eh sì, quei locali sono super interessanti, spero che le condizioni degli animali siano sempre buone come mi è sembrato in quel neko caffè.

  • Federica
    settembre 28, 2018

    Sono poco pratica del Giappone e di Tokyo..
    Non nego che mi piacerebbe visitarli..
    Non conoscevo questo quartiere e mi hai incuriosito.. sarò sincera, più per quello che dici riguardo l’atmosfera, le dimensioni e i manga.. un po’ meno per quei cafè con animali.. (da amante non vado pazza di questi luoghi) 🙂

    • Giulia M.
      settembre 30, 2018

      Eh lo so, anche io sono sempre un po’ incerta. Quella volte siamo andate perché una delle mie amiche ci teneva proprio, e temevo di trovare una situazione non proprio egregia, ma almeno all’apprenza la situazione era molto buona. Speriamo lo sia anche sotto la superficie.

  • ilgustoinviaggio
    settembre 28, 2018

    Ma lo sai che mi ci sono persa una mattina intera?Non riuscivo più ad uscire!! Volevo curiosare ovunque!!Ricordi unici!!

    • Giulia M.
      settembre 30, 2018

      Eh sì, è un succhiatempo clamoroso! Si meriterebbe due giorni di esplorazione XD

Rispondi

Giulia Magagnini

Giulia Magagnini a febbraio 2018

Giulia. Potete trovarmi con il naso perennemente affondato in un libro e la testa (dura) tra le nuvole, vere e immaginarie. Sono toscana, dipendente dal mare e affetta da Mal di Giappone.
Adoro i luoghi capaci di trasformare l’immaginazione in realtà, gli aereoporti e i cibi speziati.

Instagram

Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Faccio parte di…

badge travel blogger italiane